Booksmart ribalta la sceneggiatura della tipica commedia per adolescenti. Lo stesso vale per i suoi costumi.

Amûrê Me Biceribînin Ji Bo Çareserkirina Pirsgirêkan

La costumista del film spiega l'evoluzione del guardaroba delle commedie del liceo e le ispirazioni per ogni personaggio.

Beanie Feldstein (a sinistra) e Kaitlyn Dever nei panni di Molly e Amy, i protagonisti di Booksmart .

Foto di Francois Duhamel/Annapurna

Questa storia fa parte di un gruppo di storie chiamate I beni

Booksmart non è uno di quei film per adolescenti in cui ogni personaggio è un miliardario e veste Prada. Ad essere onesti, uno dei suoi personaggi è un miliardario, ma è un po' patetico ed è, come è appropriato per il 2019, un hypebeast.

Per tutti gli elementi del tipiche commedie dell'ultimo evviva del liceo che Booksmart prende abilmente in prestito da - i suoi due personaggi principali si rendono conto che nella loro ricerca risoluta per entrare nelle scuole della Ivy League, hanno sacrificato una vita sociale e decidono che devono andare almeno uno festa prima della laurea - gioca anche contro alcuni di questi stessi stereotipi. Ad esempio, non vedrai le ragazze popolari a scuola portare minuscole borse Chanel, e quando i protagonisti subiscono la loro sequenza di rifacimento, finiscono in ... tute abbinate.

In breve, i costumi di Booksmart sembrano sovversivi quanto il film stesso. In esso, Molly, interpretata da Beanie Feldstein, e Amy (Kaitlyn Devers), sono le migliori amiche femministe e socialmente consapevoli, le cui camere da letto sono piene di merchandising di Ruth Bader Ginsberg e, come spiega la costumista April Napier, indossano abiti blu per tutto il film per dimostrare la loro buona fede democratica registrata. Per tutto il film, le toppe politiche di Amy cucite sul denim vintage e l'uniforme soffocante della Ivy League di Molly li separa dai loro coetanei molto più freddi.

Napier ha disegnato i costumi per il film Lady Bird , che presenta anche Feldstein e si svolge in un liceo della classe medio-alta della California; ha parlato con Vox del progetto e del lavoro con la regista Olivia Wilde, che voleva evidenziare l'identità sartoriale di ogni personaggio, chiarendo al tempo stesso che nessuno di loro era uno stereotipo.

Molly e Amy nelle loro tute da sera.

Foto di Francois Duhamel/Annapurna

Come critico cinematografico di Vox Alissa Wilkinson scrive , Nessuno in Booksmart , a quanto pare, è un archetipo: sono solo persone che fanno del loro meglio. Diventare adulti spesso implica rendersi conto che tutto ciò che si presumeva su qualcuno era sbagliato, che le persone sono molto più interessanti e complesse di quanto sembri.

Di seguito, Napier parla di come vestire l'eccentrico cast di personaggi adolescenti del film: l'hypebeast, i pattinatori, il bullo caldo e un fan della cocaina particolarmente ben vestito, e discute anche di come sono cambiati i guardaroba dei film per adolescenti nel corso dei decenni.

Fin dall'inizio, vediamo il nostro personaggio principale, Molly (Beanie Feldstein), in un dolcevita, un blazer e una calzamaglia. È l'ultimo giorno di liceo nel sud della California, che sembra esilarantemente fuori posto.

[La regista Olivia Wilde] ha fatto riferimento al fatto che era l'ultimo giorno e tutti sono in pantaloncini corti e pronti per l'estate, senza prestare attenzione alla scuola. Ma aveva un ricordo di quando era arrivata per la prima volta a Los Angeles dalla costa orientale, dove indossava sempre un dolcevita e un abito di velluto a coste marrone e non si sentiva mai adatta. Era davvero importante per noi assicurarci che Beanie lo tenesse stesso [estetica].

È così basata sulla East Coast nel suo aspetto e nel suo pensiero: vuole essere un avvocato e la donna più giovane della Corte Suprema, quindi volevamo mantenerla molto collegiale e inappropriata per il momento. Ho finito per comprare quella giacca scozzese su uno strano sito web chiamato Chadwicks of Boston, che vendeva vestiti molto tradizionali, e ho pensato, è esattamente quello che dovrebbe indossare. È lì che comprava i suoi vestiti, su uno strano sito web chiamato Chadwicks di Boston. La tiene molto separata dal resto dell'equipaggio.

Gli altri ragazzi della Crockett High School si sentono vestiti in modo così realistico. Come hai iniziato quel processo di ricerca su cosa indossano gli adolescenti della California meridionale in questo momento? Hai stalkerato Instagram?

Affatto. Non tendo mai a usare Instagram come strumento, il che è strano perché penso che molte persone lo facciano. Tendo a guardare vecchie fotografie e altri film e immaginarlo nella mia mente. Mi piace usare cose più vintage, vere e autentiche. Tendo a risparmiare cose o fare mercatini delle pulci o negozi di costumi, cosa che ho fatto per il personaggio di Kaitlyn [Amy], che è molto più di ispirazione vintage e bohémien, come amante del pianeta e del femminismo.

I ragazzi simpatici.

Foto di Francois Duhamel/Annapurna

Penso a chi sono le loro influenze, alla musica che ascoltano, alle loro intenzioni. Un costumista è lì per supportare l'azione e la storia e aiutarli a definire i loro personaggi. Sapevamo che [Kaitlyn] avrebbe dovuto avere una giacca di jeans perché Beanie aveva una giacca di lana scozzese; Sapevo che avrebbe dovuto indossare i pantaloni perché Beanie indossava una gonna. La sua giacca di jeans l'abbiamo comprata vintage e poi l'abbiamo usata su eBay e su Etsy per un sacco di toppe politiche. Indossa una cravatta di cuoio, che penso non si possa mai vedere davvero, ma sopra c'è scritto Democratico.

Gran parte del film riprende e capovolge la sceneggiatura della tipica commedia adolescenziale. C'erano parti in cui avevi intenzione di farlo con i costumi?

È importante essere realistici. Sono tutti così diversi, c'è Beanie che è collegiale, c'è Kaitlyn che è l'attivista, c'è Billie Lourd [Gigi], che Olivia aveva detto vuole essere come uno spettro, che si presenta sempre e la continuità dei suoi vestiti non non importa, può semplicemente presentarsi ogni volta con un vestito diverso: una bambina selvaggia, alla Penny Lane di Almost Famous. Poi c'è Jared, che era la mia assistente Katina, quel ragazzo deve essere un hypebeast. Abbiamo fatto tutto questo di lui come il ragazzo povero e ricco, che lottava davvero per comprare tutte le cose più belle. Abbiamo usato l'ossessione per la cultura skate qui a Los Angeles. Kat era amica di Cali Dewitt [il designer di Kanye's La vita di Pablo merch], quindi ha realizzato quelle magliette e felpe per noi che erano una parodia della sua stessa mercificazione.

Jared è così interessante perché è così ricco ma così triste. Come mostri questo ragazzo ricco con un gusto imbarazzante?

È difficile, ma gli attori hanno davvero abbracciato i loro personaggi: c'era Noah Galvin [George], dove indossa il suo dolcevita nero nei panni di Bob Fosse, sono un regista di Broadway, Austin Crute è così oltraggioso che interpreta Alan e abbraccia un sensibilità strana. Lo hanno reso davvero facile. Abbiamo esagerato così tanto con Jared quando abbiamo girato la scena sulla barca. Ha camminato sul set e tutti erano tipo, oh mio dio, è fantastico. Sembra così figo, e noi eravamo tipo, no, non lo fa! Che cosa? Ha strati e strati di tutto ciò che è bello, il che è una cosa così triste e patetica. Nella mia mente le persone più cool sono come Patti Smith, che indossa la cosa più semplice e discreta. Non hanno bisogno di mettersi in mostra sui loro corpi perché trasuda dai loro pori.

Jared, l'hypebeast bambino ricco simbolo del film.

Foto di Francois Duhamel/Annapurna

Lo vedi così bene nel personaggio di Hope, la ragazza sexy e cattiva.

Esatto, e anche tutte le sue cose sono state risparmiate. [Diana Silvers] ha comunque il look più semplice e bello, quindi vuoi mantenerla il più minimale possibile.

E questo è l'opposto di Gigi, che è questa principessa delle fate cocaina. Come sei arrivato a quegli abiti pazzi, super femminili e fantastici?

Non sono fantastici? Billie è davvero quel personaggio, è selvaggia, libera e spontanea. Sapevamo che avrebbe dovuto avere un sacco di scintillio, piume e pelliccia ed essere oltraggiosa. Volevamo mantenere la sua tavolozza molto chiara perché molte delle sue scene sono state girate di notte. Ho fatto un sacco di vintage su di lei e ho noleggiato un sacco di cose dalle case di costumi.

Sono andato al Ruby, un noleggio di designer di fascia alta a Los Angeles. Ho pensato allo scintillio nel portare il bindi sulla sua fronte e questo velo degli anni '30 che indossa, che proviene dal negozio vintage Please and Thank You di Los Angeles. Quando salta dalla barca, aveva due controfigure, quindi tutte quelle cose dovevano essere multiple, quindi penso che il vestito provenga da Forever 21 o qualcosa del genere. Quando cade in piscina, l'idea era che avrebbe trovato una pelliccia dall'armadio della zia di Nick e avrebbe detto, non me ne frega un cazzo, mi butto in piscina con quella.

C'è una differenza così netta tra ciò che indossano i ragazzi fantastici e ciò che indossano Amy e Molly. Amy e Molly mettono chiaramente molta cura e determinazione nei loro abiti, ma i ragazzi fantastici sono più qualunque.

Sono i protagonisti e la storia parla di loro che sono accademici, concentrati e ossessionati dal fare ricerca e dall'essere dettagliati nel loro lavoro. È chiaro per loro che tutto ciò che mettono sui loro corpi fa una dichiarazione o è importante per chi sono intrinsecamente. Ecco perché sono così diversi ma lavorano anche insieme: rappresentano le stesse cose sull'essere potenti e influenzare il cambiamento.

Mentre tutti gli altri sono un po' più qualunque. Tutta quella squadra di skater, era divertente da fare, ma abbiamo dato loro molta libertà, perché sono entrati e non gliene fregava un cazzo di niente, quindi potevamo usare molti dei loro vestiti. Ricordo che Nico Hiraga [Tanner] è uscito dalla sua roulotte durante la scena della festa, e avevamo deciso che avrebbe indossato una tuta bianca, ed è uscito con loro al contrario e le cinghie si sono attorcigliate ed è stato tipo, ho pensato che forse Lo indosserei così! E io ero tipo, amico, fallo. È così importante onorare i personaggi, in particolare perché quei ragazzi sono stati scelti per quello che erano. Devi onorarlo e lasciare che ti informino su cosa farebbe il personaggio.

La presentazione del genere è stata fatta in modo così giocoso nel film, specialmente nell'aspetto di Ryan. È l'adorabile oggetto degno di una cotta di Amy, ma è anche così rilassata e di basso profilo.

Quando ho ricevuto la sceneggiatura, diceva: indossava una polo al ballo di fine anno, quindi sapevo che non sarebbe stata così incentrata sulla moda, e sarebbe stata davvero genuina con se stessa. La donna che la interpreta, [Victoria Ruesga] è sponsorizzata da [il marchio skate] desiderio di morte , quindi abbiamo ricevuto da loro delle magliette che abbiamo usato.

Alan e George, i ragazzi gay del teatro.

Foto di Francois Duhamel/Annapurna

Le tute abbinate di Amy e Molly sono una parte importante del film. Come sei arrivato con gli abiti stessi e il fatto che siano abbinati?

È nato in modo molto organico. Devi pensare, a) stanno tirando fuori i vestiti che hanno già nel loro armadio. A chi guarderebbero come le persone più cool del mondo? Ho pensato, oh, Hanoi Jane, l'era di Jane Fonda nella guerra del Vietnam e Rosie the Riveter. E una tuta sembra comunque bella, quindi è probabile che entrambi abbiano una tuta blu nella stanza di Amy.

Molly ha dei cassetti ben etichettati nella stanza di Amy pieni dei suoi vestiti perché trascorrono così tanto tempo insieme, quindi li ho messi entrambi in quegli abiti pensando che l'uno o l'altro li avrebbe indossati, e poi all'improvviso ho pensato, aspetta , dovreste indossarli entrambi! L'abbiamo suggerito a Olivia e le è piaciuta molto quell'idea, perché li unisce e li tiene uniti, ma è anche la loro idea di ciò che è bello e potente e di come lo uccideranno.

Alla fine si cambiano da quegli abiti e in alcuni vestiti di paillettes che si trovavano sul retro dell'auto della signora Fine (Jessica Williams). Tutte e tre le attrici hanno tipi di corpo diversi e stili molto diversi, quindi come hai fatto a farlo funzionare?

Do il merito a Olivia per questo, perché Olivia diceva: Devono cambiare. Nella sceneggiatura originale cadono dalla barca e finiscono bagnati fradici, quindi dovrebbero cambiare [abiti]. Ma non sono scesi dalla barca, quindi ero tipo, cosa accadrà? Stavo cercando di pensare a cosa avrebbe avuto la signora Fine nel retro della sua macchina. Bene, cosa ha ogni donna nel retro della sua macchina? È stato scritto come alcuni vestiti da yoga, una canotta, leggings e uno strano vestito scintillante di Miss America ucraina, e io ero tipo, aspetta, non starà meglio di queste due tute. Quindi cosa potremmo fare che sembri altrettanto buono?

Jessica Williams è alta un metro e ottanta e quelle ragazze sono tipo 5-3, quindi abbiamo dovuto pensare a cosa avrebbe avuto nel retro della sua macchina, e deve essere oltraggioso. È una commedia, quindi hai una certa libertà in cui non deve essere così attaccato alla realtà. Ho dovuto spingermi un po' di più per abbracciare l'idea che può anche essere stravagante perché stiamo realizzando una commedia diretta, quindi abbiamo avuto l'idea di tenerli nel nulla, per portare avanti il ​​tema del loro essere democratici incalliti.

Ma forse la signorina Fine aveva in macchina delle vecchie magliette scintillanti. Dal momento che sarebbero magliette per la signora Fine, sarebbero così lunghe sulle ragazze che sarebbero vestiti. Penso di averli presi entrambi al Jet Rag a Los Angeles. Sono vecchi vestiti di paillettes degli anni '80. Ho lasciato che Amy si stendesse su di lei, e con Molly's ho aggiunto il colletto, le applicazioni e una cintura in modo che fosse più in linea con il suo look collegiale abbottonato. Hanno funzionato molto bene perché erano luccicanti e abbiamo avuto così tanti riflessi che rimbalzavano su di loro nelle riprese notturne.

Gigi, interpretata da Billie Lourd, è descritta dalla regista Olivia Wilde come uno spettro.

Foto di Francois Duhamel/Annapurna

Hai detto che hai fatto molte ricerche guardando vecchie commedie per adolescenti in preparazione. Hai notato un'evoluzione nel modo in cui i bei ragazzi si vestono rispetto ai bizzarri personaggi principali?

La cosa che è dura per me ora è che sembra che molte persone siano influenzate così tanto dai social media. Le persone tendono a vestirsi in modo molto più simile: un'idea viene mercificata in modo esponenziale perché c'è così tanto accesso alle informazioni. Sono cresciuto ai tempi del punk rock in cui non avevi accesso alle informazioni.

Eri davvero da solo a leggere libri o guardare vecchi film e capire chi sei, e hai commesso molti errori lungo la strada. Penso che gli errori siano davvero importanti per lo sviluppo individuale, e sento che le persone in questo momento hanno paura che non sembreranno belle, perché c'è un blog che ti dice cosa fare, e penso che sia paralizzante per l'individualità. E se c'è un individuo, viene mercificato così rapidamente.

Ho fatto un film circa 10 anni fa chiamato Bad Words ed ero davvero ossessionato da quel look normcore. Lo stesso Normcore è iniziato come un'idea underground reattiva per le etichette, ma poi è stato anche mercificato. Quante migliaia di paia di scarpe da ginnastica bianche ci sono adesso? Puoi pagare mille dollari per un paio di Balenciaga in questo momento. La moda viene sempre dalle strade: inizia sempre con artisti e musicisti poveri che la influenzano, ma ora, poiché c'è così tanta presenza sui media, accade così velocemente e così intensamente.

Hai anche realizzato i costumi per Lady Bird, ambientato quasi 20 anni prima Booksmart , ma entrambi condividono questo tipo di stile rilassato e californiano. Mi chiedo in cosa metteresti Lady Bird se lei fosse dentro Booksmart .

Immagino che sarebbe dopo che lei era a New York ed era davvero con i piedi per terra. Forse indosserebbe una specie di abito Bauhaus degli anni '20. Oppure indosserebbe la cosa più semplice perché è così a suo agio nella sua pelle a questo punto che non le importa.

Iscriviti alla newsletter di The Goods. Due volte alla settimana, ti invieremo le migliori storie sui prodotti esplorando ciò che acquistiamo, perché lo acquistiamo e perché è importante.