La politica sul cambiamento climatico può essere schiacciante. Ecco una guida alle politiche che funzionano.

Amûrê Me Biceribînin Ji Bo Çareserkirina Pirsgirêkan

Un nuovo libro dell'esperto analista energetico Hal Harvey semplifica la decarbonizzazione.

Il cambiamento climatico è un problema così grande e dilagante - ci sono così tante forze coinvolte, così tanti decisori a così tanti livelli - che risolverlo può sembrare irrimediabilmente complesso. Ci sono così tante opzioni a disposizione dei politici, ognuna con i propri feroci elettori. Da dove cominciare? Quali politiche per l'energia pulita funzionano davvero?

Questa è la domanda Hal Harvey , analista energetico di lunga data e CEO dell'azienda di politica energetica Innovazione Energetica , deciso di rispondere con un nuovo strumento.

Lo strumento è il Simulatore di politica energetica , che permette a chiunque di scegliere un pacchetto di politiche energetiche e vedere immediatamente l'impatto sulle emissioni di carbonio e altri inquinanti. (È come un videogioco per nerd energetici.) Si basa su un modello che tenta di replicare l'economia fisica, con informazioni dettagliate sulle risorse del mondo reale.

Progettare soluzioni per il clima Innovazione Energetica

Utilizzando questo strumento, Harvey e il suo team si sono concentrati sulle politiche che funzionano, sui luoghi in cui funzionano meglio e sul modo migliore per progettarle. Le loro conclusioni sono riassunte in un nuovo libro, Progettare soluzioni per il clima: una guida politica per l'energia a basse emissioni di carbonio . È una guida pratica ma dettagliata per sviluppare politiche energetiche che abbiano un impatto reale. (Una versione in miniatura abbastanza estesa del libro è online qui , se vuoi sfogliare.)

I risultati sono stranamente incoraggianti, o almeno chiarificatori.

Ad esempio: i primi 20 paesi al mondo che emettono carbonio sono responsabili dell'80% delle emissioni globali. Solo sette paesi emettono più di un gigaton all'anno.

emissioni di gas a effetto serra dei paesi Innovazione Energetica

È scoraggiante attirare quasi 200 paesi del mondo in un accordo unanime a livello globale, come tenta sempre di fare la Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (UNFCCC). (Testimone l'eroico lavoro necessario per garantire l'accordo sul clima di Parigi, che non è nemmeno legalmente vincolante.) Ma 20 paesi? Sicuramente il mondo può mettere in atto politiche decenti in 20 paesi.

Così come sono raggruppate geograficamente, anche le emissioni sono raggruppate in un numero relativamente piccolo di settori.

Ecco un grafico del libro che mostra, in azzurro, le emissioni totali attualmente previste per il 2050 (include gli effetti delle politiche attuali). I quadrati colorati sono i settori in cui ulteriori sforzi guidati dalle politiche possono ridurre le emissioni fino al 2050 in modo da offrire il 50% di possibilità di evitare un aumento della temperatura globale di oltre 2 gradi Celsius. (Cioè, ricorderete, il bersaglio internazionale comunemente concordato, sebbene molti sostengano di sparare più in basso, per 1,5 gradi.)

riduzioni settoriali dei gas a effetto serra Innovazione Energetica

Mettendo da parte l'uso del suolo (è importante, ma il libro si concentra sulla politica energetica), sono cinque settori. Bene, tecnicamente sono quattro settori e una politica intersettoriale, vale a dire il prezzo del carbonio.

Quattro settori + carbon pricing. È gestibile! E si scopre che, all'interno di questi quattro settori (+ carbon pricing), un totale di soli 10 tipi di polizze può fare il lavoro.

Il messaggio generale è che la politica climatica non deve significare fare tutto il possibile, ovunque possibile. Si tratta principalmente di applicare una cassetta degli attrezzi di 10 politiche energetiche a quattro settori economici nei 20 paesi con le maggiori emissioni, oltre a una serie di prezzi del carbonio e riforma dell'uso del suolo. Questo ci porterà quasi tutto lì, ed è un compito gestibile. (Non facile. Ma trattabile.)

I politici a tutti i livelli, forse anche alcuni di quei governatori democratici appena eletti, troveranno nel libro un aiuto pratico. Adatta le raccomandazioni a diverse aree geografiche e livelli di sviluppo economico e si occupa di questioni di progettazione nitide per ciascuna politica.

E ricorda loro ancora e ancora: concentrazione. Ci sono circa una dozzina di politiche che funzionano, ma dopo quella dozzina c'è un rapido calo, dice Harvey. Ci sono un sacco di cose che suonano bene ma semplicemente non fanno molta differenza.

Ho parlato telefonicamente con Harvey a novembre (quando questo articolo è stato pubblicato per la prima volta) sulla progettazione delle politiche, sul ruolo dei prezzi del carbonio e sul tipo di ricerca e sviluppo di cui l'America ha davvero bisogno, tra le altre cose. La nostra conversazione è stata modificata per lunghezza e chiarezza.

Hal Harvey

Hal Harvey

Innovazione Energetica

David Roberts

Parlaci un po' dello strumento che hai creato per confrontare le politiche.

Hal Harvey

Abbiamo sviluppato questo [ Simulatore di politica energetica ] ora per otto paesi, che insieme rappresentano più della metà delle emissioni mondiali di carbonio.

Il modello è essenzialmente una replica dell'economia fisica. Ad esempio, sa quante auto ci sono negli Stati Uniti. Sa quanti chilometri percorrono e che tipo di carburante usano, e quindi le emissioni di carbonio che emettono. Sa quanti vanno in pensione ogni anno e con cosa vengono sostituiti.

Tenendo traccia di tutte quelle auto in tutti quegli anni, possiamo determinare in modo abbastanza preciso quale effetto avrà uno standard di efficienza del carburante incrementale. Questa è solo una delle tante opzioni nel settore dei trasporti. Potresti avere una tassa sul gas, prezzi della congestione, riduzioni o una tassa sul carbonio con uno sconto sui veicoli elettrici. Misuriamo ben oltre 50 diverse politiche.

Il modello gestisce anche le interazioni tra le politiche. Sa quale politica sta controllando in un dato momento. (Non puoi semplicemente sommarli tutti; non funziona in questo modo.)

Il risultato è che l'utente può prendere una qualsiasi di queste politiche e farla scorrere su e giù da zero a molto forte e vedere immediatamente gli effetti sulla CO2, su una dozzina di altri inquinanti e sul flusso di cassa.

Un

Un'istantanea dell'Energy Policy Simulator.

Innovazione Energetica

David Roberts

Una cosa che sottolinei nel libro è il tempismo. È importante mettere in atto le politiche in anticipo, in modo che le tecnologie abbiano il tempo di svilupparsi.

Hal Harvey

C'è questa idea ingenua secondo cui il modo in cui funziona la tecnologia è che le persone si siedono nei laboratori e pensano, si preoccupano e lavorano su un'idea, e poi compare nel mondo e diventa onnipresente. La realtà è che una frazione molto grande del progresso tecnologico avviene attraverso l'implementazione.

Una delle cose che cerchiamo di fare è disimballare le curve di apprendimento.

Quindi ci sono cose che sono pazze là fuori e richiedono scienza - che potrebbero essere alghe, o sequestro del carbonio, o energia nucleare avanzata.

Poi ci sono cose che sono piuttosto interessanti, sembrano funzionare, ma richiedono molta ingegneria per arrivarci: il campo solare ha attraversato questa fase tra la fine degli anni '70 e la metà degli anni '80.

E poi c'è l'ultima fase di quella curva di apprendimento, che deriva dall'implementazione, dall'imparare facendo. Per questo servono volumi di vendita molto grandi, continuati nel tempo. Le drastiche riduzioni dei prezzi dell'eolico e del solare, e più recentemente dell'eolico offshore, riflettono quest'ultima parte della curva di apprendimento.

Curve e politiche di apprendimento della tecnologia: un grafico rappresentativo.

Curve e politiche di apprendimento della tecnologia: un grafico rappresentativo.

Innovazione Energetica

Ma questo, ironia della sorte, è ciò che Bill Gates non capisce. Pensa che abbiamo bisogno di scoperte, quando in realtà le più grandi scoperte che abbiamo avuto sono state rendendo in modo incrementale, ad esempio, le batterie più economiche, più economiche, più economiche. Lo stiamo facendo con i LED, aumentando la scala, distribuendo e distribuendo.

David Roberts

In tutto il libro, ti concentri sulla progettazione delle politiche. Non è sufficiente approvare queste politiche, devono funzionare correttamente. Estrarre alcuni principi di progettazione. Fammi un esempio di uno di questi principi.

Hal Harvey

Inizierò con gli standard di prestazione.

Gli standard di prestazione - con questo intendo C02-per-kWh, o frazioni di energie rinnovabili sulla rete, o miglia per gallone per auto, o standard energetici minimi per i tuoi codici di costruzione - sono stati l'app killer nella politica energetica.

Gli standard di prestazione hanno completamente trasformato i frigoriferi.

Gli standard di prestazione hanno completamente trasformato i frigoriferi.

Innovazione Energetica

Hanno una cattiva reputazione a causa di un dibattito secolare e completamente capovolto sulla politica di comando e controllo. Ma usiamo sempre gli standard di prestazione e funzionano davvero bene. I nostri edifici non bruciano molto; erano soliti bruciare tutto il tempo. La nostra carne non è avvelenata; era avvelenato, o non si poteva dire. E così via. Se lo dici a qualcuno, questa è la prestazione minima richiesta, indovina un po'? Gli ingegneri sono davvero bravi a soddisfarlo in modo conveniente.

Quando si progettano standard di prestazione, ci sono alcune caratteristiche che li fanno funzionare davvero bene. Il primo, che sottolineo ancora e ancora, è il miglioramento continuo. Non fissare un obiettivo quantitativo, imposta un tasso di miglioramento.

È il dono che continua a dare. Dice ai produttori che devi migliorare sempre di più. Li aiuta a strutturare la loro ricerca e sviluppo. Forse, cosa più importante, utilizza la larghezza di banda politica una volta e consegna le merci per sempre.

Il codice edilizio della California diventa più rigoroso ogni tre anni. È bastata una sola legge, negli anni '70, per farlo accadere. Quel disegno di legge, il Titolo 24, è stato firmato quando Jerry Brown era il più giovane governatore nella storia della California. Ora è il governatore più anziano nella storia della California. In mezzo, repubblicani e democratici allo stesso modo hanno visto il codice edilizio diventare sempre più forte. Non ha richiesto di incassare capitale politico, tornare alla legislatura, discuterne: succede e basta.

Darò un controesempio. [Presidente] Gerald Ford ha raddoppiato l'efficienza del carburante nelle auto tra il 1975 e il 1985 con uno standard di efficienza del carburante. E poi siamo andati a dormire per 25 anni. Per 25 anni non abbiamo aumentato l'efficienza del carburante. Abbiamo preso tutto il miglioramento tecnologico che stava arrivando e lo abbiamo dedicato alla massa e alla potenza: le auto hanno raddoppiato la potenza e aumentato il peso del 40%.

standard del caffè Innovazione Energetica

Paghiamo due tipi di tasse per questo: primo, enormi quantità di anidride carbonica; secondo, se avessimo avuto un miglioramento continuo, avremmo risparmiato un trilione di dollari che abbiamo inviato ai paesi che ci odiano.

E abbiamo lasciato che le nostre aziende automobilistiche diventassero non competitive, perché i tedeschi e i giapponesi stavano migliorando nel frattempo. Quindi abbiamo le compagnie automobilistiche che falliscono, due su tre.

Ancora una volta, se Gerald Ford avesse detto semplicemente il 4% all'anno invece di 26 miglia per gallone, avremmo evitato tutto questo.

David Roberts

In questi giorni, persone di tutto lo spettro politico parlano di prezzi del carbonio. Come si inserisce nello sforzo più grande?

Hal Harvey

Il problema del prezzo del carbonio è che è utile, ma non è un dispositivo. Ci sono un certo numero di settori che sono impermeabili a un prezzo del carbonio, o vicini all'impermeabilità.

Un prezzo del carbonio funziona quando fa parte di un pacchetto che include ricerca e sviluppo e standard di prestazione. Non funziona in isolamento. Aiuta, ma non fa quasi quanto è richiesto.

circolo politico Innovazione Energetica

Inoltre, deve essere un numero reale. Venti dollari a tonnellata non influiscono affatto.

David Roberts

Qual è il numero reale più basso?

Hal Harvey

Prima di tutto, va bene iniziare con un numero basso, purché si disponga di una rampa costante: si torna al miglioramento continuo. Questo è in realtà un modo intelligente per farlo, in modo da non scioccare il sistema.

Penso che sia necessario spingerlo a 50 dollari a tonnellata, che è ciò che accadrà in Canada nei prossimi quattro anni, per avere un impatto significativo sulle emissioni di carbonio.

Un prezzo del carbonio è buono per raggiungere (questo sta per uscire dalla lingua, pronto?) industrie eterogenee e sensibili al prezzo. Ciò che intendo dire è che è difficile stabilire uno standard di prestazioni che funzioni per vetro, pasta di legno e carta, acciaio, prodotti chimici e così via. Quindi in quei regni, stabilire un prezzo è un bel modo per gestirlo. Quindi le aziende possono semplicemente internalizzare i costi e prendere decisioni migliori.

Ecco dove [un prezzo sul carbonio] non funziona.

Non funziona affatto negli edifici. Le persone che progettano e costruiscono edifici non pagano mai le bollette, e in gran parte dell'America, le persone che possiedono gli edifici non pagano nemmeno le bollette. Quindi il povero affittuario è bloccato con un edificio che perde, ma non ha la capacità di investire capitale nell'edificio e ripararlo, o per farlo bene in primo luogo. L'unica politica che ha mai funzionato su larga scala negli edifici è un codice edilizio forte.

Non fa molto nei trasporti, perché il carburante è una parte relativamente piccola della guida di un veicolo e più il veicolo è efficiente, meno conta il prezzo del carburante. A riprova di ciò, guarda l'Unione Europea, dove le tasse [del carburante] sono [l'equivalente di] oltre 400 dollari a tonnellata [di carbonio]. Hanno ancora bisogno di uno standard di efficienza del carburante per ottenere l'efficienza del carburante dove deve andare, anche a 400 dollari la tonnellata, di cui non penso che stiamo parlando al Senato degli Stati Uniti in questi giorni.

politiche

Le politiche che funzionano e quanto contribuiscono.

Innovazione Energetica

David Roberts

Parlami del sistema di tariffazione del carbonio ibrido che descrivi nel libro. Cerchi di catturare le parti migliori di un sistema cap-and-trade e di una tassa.

Hal Harvey

Il dibattito tra una carbon tax e un carbon cap deve essere uno dei modi più sciocchi per sprecare energia elettrica.

David Roberts

Anni della mia vita.

Hal Harvey

Amico, te la sei cavata facilmente. Ci sono delle povere anime a RFF che si stanno ancora scervellando contro questo.

Per la maggior parte degli intervalli ragionevoli di entrambi, sono gli stessi.

Quello che ti preoccupa con il tappo in carbonio è che il prezzo potrebbe essere molto alto o molto basso. Se è davvero alto, causerà uno shock economico, se è davvero basso, non farà nulla.

Ma la risposta è mettere un prezzo minimo e un tetto massimo su quei permessi, come facciamo in California. Se il prezzo è troppo basso, non ne metti all'asta altrettanti. E se è troppo alto, rilasci semplicemente più permessi, perché non vuoi davvero rovinare l'economia come parte della tua soluzione climatica.

Stessa cosa con la carbon tax. Puoi anche regolarlo, se vuoi. Se metti una tassa sul carbonio di 10 dollari e scopri che non ha alcun effetto su nient'altro che sulla produzione di cemento, puoi aumentarla un po'. Quindi assomiglia sempre di più a un berretto.

Mettendo limiti ragionevoli a uno di questi sistemi, iniziano a somigliarsi molto; iniziano a comportarsi in modo molto simile.

Un sistema ibrido di carbon-pricing.

Un sistema ibrido di carbon-pricing.

Innovazione Energetica

David Roberts

Sono rimasto un po' sorpreso dal ruolo di primo piano del settore industriale nella riduzione delle emissioni.

Hal Harvey

Ci sono circa 10 industrie che dominano il consumo di energia nell'industria. Sono quelli che ti aspetteresti: acciaio, cemento, cellulosa e carta, prodotti chimici, metalli non ferrosi, fertilizzanti e così via.

Quello che devi fare è pensare bene a come portare ciascuna di queste attività abbastanza diverse, con vincoli e opportunità diversi, su un percorso di decarbonizzazione.

Come ho detto, la migliore politica con loro è un prezzo del carbonio significativo, in costante aumento e a lungo termine, che si tratti di un tetto o di una tassa. Ciò li indurrà a vedere cosa possono elettrificare. Ci sono cementi, per esempio, che sono la metà del carbonio o meno del cemento normale. E il cemento è il 5% del carbonio globale: è un numero grande.

Ma non è facile entrare in quel business. Ha un margine molto basso e ha molti costi di capitale irrecuperabili. Quindi, senza un segnale di prezzo piuttosto serio, non ci arriverai. Ci sono alcune cose che puoi fare con gli standard di prestazione, ma fondamentalmente il prezzo è ciò che conta, oltre a una seria ricerca e sviluppo.

È un tipo di ricerca e sviluppo diverso da quello che piace fare all'America. La nostra ricerca e sviluppo sin dalla seconda guerra mondiale si è concentrata su verità fondamentali: il significato della vita; cosa c'è dentro un quark; roba del genere. Non abbiamo davvero molte istituzioni che si concentrano su nuovi modi per gestire una mini-acciaieria. O nuove reazioni chimiche che richiedono molta meno energia e hanno molti meno rifiuti. O modi per utilizzare il calore di scarto dell'industria.

I tedeschi hanno un insieme di istituzioni davvero interessante chiamato Istituti Fraunhofer . Ce ne sono 70, uno per ogni problema a cui puoi pensare. Il loro compito è esattamente quello di capire questo genere di cose. Penso che sarebbe opportuno che l'America pensasse di più a quella parte dell'apprendimento, che io chiamo la parte ingegneristica della curva di apprendimento. Stai facendo un lavoro davvero grintoso. Non è roba teorica. Non è nemmeno una cosa rivoluzionaria, ma è dove dobbiamo andare con l'industria.

emissioni di processo

La produzione di cemento non è uno scherzo!

Innovazione Energetica

David Roberts

La tua modellazione non include alcun sequestro del carbonio fino al 2050. La inquadri come una tecnologia post-2050. Come sei arrivato a quella conclusione? Qual è il ruolo delle emissioni negative nel quadro generale?

Hal Harvey

Questo ci riporta a una domanda strategica assolutamente fondamentale che tutti coloro che si preoccupano di queste cose devono porsi all'inizio, ovvero: quali politiche o tecnologie otterranno più tonnellate [di riduzioni di carbonio] più velocemente? Questo è l'imperativo del carbonio.

Se ritardi, se non fai le cose veramente grandi ora, allora il tuo futuro deve essere insondabilmente eroico. In effetti, anche se avessi emissioni negative gratuite infinite, potresti non risolvere il problema, perché faremo girare alcuni sistemi naturali in una fuga irrecuperabile. Sbriniamo la tundra e rilascia carbonio e metano dal suolo. Oppure la fusione lubrifica più fusione, e così via.

Se inizi con questa domanda strategica fondamentale - la maggior parte delle tonnellate più veloce - allora ti rendi conto che il sequestro del carbonio è forse qualcosa a cui dovresti pensare [per quanto riguarda] la dipendenza dal percorso, ma come un obiettivo importante oggi, mentre non stiamo chiudendo rapidamente ogni centrale a carbone e ogni impianto di gas naturale, non convertire la flotta di auto, non lanciare codici di costruzione ... è pazzesco. È davvero un'abnegazione della responsabilità concentrarsi sull'ultimo cinque percento mentre ignori il primo 95 percento.

Ciò non significa che non dovresti fare ricerca e sviluppo. Sosteniamo la ricerca e lo sviluppo. Abbiamo bisogno di più opzioni in futuro. Ma la logica - che, beh, tutti gli scenari IPCC mostrano che dobbiamo diventare negativi, quindi è lì che metteremo la nostra attenzione - fraintende completamente la natura della matematica del carbonio.

Permettetemi di aggiungere un'altra cosa a questo. In questo momento, il solare sta arrivando a dollari negativi per tonnellata, perché è più economico di quello che sta sostituendo e offre vantaggi sotto forma di elettricità. Quindi lo contrasti con la cattura del carbonio, che arriva a centinaia di dollari per tonnellata e non offre vantaggi. È una pura tassa per la società costruire queste macchine per la cattura dell'aria diretta, o coltivare un mucchio di biomassa e costruire un mucchio di gasdotti e pompare tutto sottoterra.

Se hai una tecnologia che sarà sempre un peso morto per l'economia, e l'altra fa levitare l'economia, e una non è disponibile, e una è disponibile... che diavolo.

cattura diretta dell

Aspiratori di carbonio: forse non la priorità assoluta?

Ingegneria del carbonio

David Roberts

Il libro non ha nulla sul cambiamento di comportamento: non spegnere le luci o diventare vegetariani. Trovi che la leva non sia realistica?

Hal Harvey

È un libro di progettazione di politiche e non ci sono molte politiche che inducono le persone a cambiare la loro dieta. Michael Bloomberg ha tassato lo zucchero, quindi ce n'è uno. Ma non avremo la tassa sulle tonnellate di barbecue pro capite in North Carolina. (Probabilmente non dovrei usare la parola tonnellate lì, ma hai capito.)

Abbiamo una larghezza di banda politica limitata. Se sei seriamente intenzionato a cambiare, devi identificare i decisori che possono innovare più tonnellate e più velocemente. Quindi devi sviluppare una strategia per influenzarli. Ci sono 7,5 miliardi di decisori sulla dieta. Ci sono 250 commissari di utilità in America e i commissari di utilità controllano metà del carbonio in America.

Se hai fatto fare a tutti lunedì senza carne o martedì senza taco o qualsiasi altra cosa, stai ancora rosicchiando a meno dell'1 percento, a meno che tu non riesca a convincere miliardi di persone a farlo.

Cercare di invocare un cambiamento di comportamento su qualcosa di così personale come mangiare in massa è moralmente corretto, è ecologicamente una buona idea, ma come strategia per il carbonio, non graffia la superficie.

David Roberts

Cosa possono fare le città con il carbonio?

Hal Harvey

Questo mi renderà più nemici, ma... le città non hanno quasi alcun potere sul carbonio. Alcune città hanno codici edilizi più severi di quelli dello stato, ma è raro. Controllano i modelli di traffico, un po', ma dal momento che abbiamo così tanti comuni, tende ad essere un'organizzazione di pianificazione metropolitana all'interno dell'agenzia statale che lo fa.

David Roberts

E la zonizzazione?

Hal Harvey

Beh... e la zonizzazione? Puoi fare un confine di crescita urbana, ma questa è una politica statale. Potresti fare una zonizzazione a uso misto. Questa è una grande idea.

David Roberts

Devo dire che il pezzo di mobilità urbana del tuo grafico a puntini mi sembra tristemente piccolo.

Hal Harvey

Questo è un elemento enorme in un paese nascente, come la Cina, o le grandi città in Africa, o il Medio Oriente. In un'economia matura, con tutte le infrastrutture in atto, le costanti di tempo sono solo più lente. Sono ancora completamente favorevole: confini di crescita urbana, trasporto di massa davvero funzionale, piste ciclabili, uso misto. E questa è decisamente la politica della città o della regione.

David Roberts

Il progetto Drawdown di Paul Hawken ha esaminato le opzioni per ridurre i gas serra e ha scoperto che l'istruzione delle ragazze e la pianificazione familiare erano i due più potenti.

Hal Harvey

Quando ero alla Fondazione Hewlett, abbiamo sponsorizzato uno studio del Centro nazionale per la ricerca atmosferica che poneva la domanda: a livello globale, se incontrassi un bisogno insoddisfatto di contraccettivi - vale a dire, nessuna coercizione di sorta - quanto costerebbe e quanto l'impatto del carbonio essere?

Abbiamo trovato un abbattimento su larga scala a meno di un dollaro a tonnellata. Quindi sono completamente a favore di questo.

Educare le ragazze.

Abbattimento del carbonio in azione.

( Prelievo )

Ecco la cosa sul libro Drawdown: è un libro di tecnologia, non un libro di politica. Ed è geograficamente indifferente: non dice che devi farlo nei primi 20 paesi o ovunque. Non menziona la politica, non menziona la geografia e senza queste due cose, non è un piano. Penso che sia un buon contributo al mondo, ma non dice a nessuno cosa fare lunedì mattina.

David Roberts

E questo è il tuo libro. Il libro del lunedì mattina.

Hal Harvey

Se sei una persona energica - se sei l'aiutante del governatore del Wyoming, ad esempio, o della Georgia o del Colorado - questo libro ti dice molto chiaramente non solo cosa fare, ma come farlo.